In offerta!

Oxalis adenophylla

 4,99 (15 pz) -  16,97 (60 pz)

Fiori di colore rosa con il cuore dellla corolla quasi bianco. Foglie composte da numerose foglioline di colore verde grigio, molto decorative. Particolarmente resistente al freddo, ma teme l’alta umidità del suolo d’inverno.
L’organo ipogeo è un piccolo tubero ricoperto da fibre costituite dalle basi di vecchie foglie. I tuberi possono essere piantati in maniera che le loro fibre quasi si toccano.

disponibile
Mancano  50,00 per ottenere la spedizione gratuita

Informazioni aggiuntive

Famiglia

Oxalidaceae

Origine

Argentina, Cile, Patagonia

Calibro

6/7

Altezza

10-15 cm

Esposizione

• sole • 1/2 ombra

Fioritura

primaverile/estiva

Il nome del genere deriva dal greco (oxys – acuto e hals – sale) e fu riportato per la prima volta da Dioscoride in riferimento al sapore acidulo di alcune specie. E’ un genere molto grande (forse 800 specie), che dà il nome anche alla famiglia di appartenenza, Oxalidaceae. Alcune specie sono originarie del emisfero boreale, ma in prevalenza sono sudafricane o tropicali, nonché sudamericane da alta montagna. La maggioranza delle specie non sono bulbose e molte sono infestanti. Sono disponibili delle oxalis con bulbi o tuberi estremamente decorative. Conviene fare delle prove per evitare il pericolo della diffusione incontrollabile.

Questa specie, originaria del Sud dell’Argentina e del Cile, dove vive fino all’altitudine di ca. 2500 metri, ha per organo ipogeo un piccolo tubero ricoperto da fibre costituite dalle basi di vecchie foglie. La pianta raggiunge l’altezza di 5-10 cm ed è caratterizzata da rosette compatte di foglie composte da numerose foglioline. I fiori solitari per stelo, di colore rosa chiaro o lilla con il cuore quasi bianco, talvolta con macchie rosa-lilla scuro, hanno un diametro di ca. 2,5 cm e si schiudono in tarda primavera o all’inizio dell’estate. I tuberi vanno piantati in un suolo molto ben drenato alla profondità corrispondente al doppio del diametro dell’intero ammasso di fibre che li circondano, vicini uno all’altro, ma in maniera che non si tocchino. Le piante sono rustiche, ma non amano inverni eccessivamente umidi, durante i quali si verifichino ristagni d’acqua.