torna a: Pancratium
cliccare per ingrandire
Pancratium
maritimum
codice: PAN001
prezzo: € 5.50 (confezione da 3)

Questo articolo può essere prenotato anche se non è attualmente in magazzino. Se tornerà disponibile Le sarà inviato in una spedizione unica col Suo ordine, altrimenti La contatteremo per una eventuale sostituzione.
per aggiungere il prodotto al carrello bisogna effettuare il > login


famiglia: Amaryllidaceae
origine: Regione mediterranea
calibro: 12/14
altezza: 20-30 cm
esposizione: • sole
fioritura: estiva • intermedia

descrizione: Giglio di mare. Fiore bianco. La pianta cresce sulle dune sabbiose italiane, teme il freddo eccessivo, soprattutto se in vaso.

Pancratium maritimum L. proviene dalle zone sabbiose costiere del Mediterraneo europeo. In Italia è comunemente conosciuto con il nome di giglio di mare, pancrazio, giglio pancrazio, emerocallide valentina, narciso marino. Il bulbo del Pancratium maritimum può raggiungere i dieci centimetri di diametro, ed è allungato in uno stretto “collo”, essendo spesso sepolto in oltre cinquanta centimetri di sabbia; le foglie solitamente decidue nei luoghi di origine, semisempreverdi nel giardino della Floriana Bulbose, sono allungate, 50-60 cm, e lineari, larghe 1- 2 cm, di colore verde glauco, lievemente spiralizzate; lo scapo floreale si innalza all’emergere delle foglie e dispiega un ombrella di fiori, meno numerosi del P. illyricum, ma profumatissimi, in agosto-settembre. La coltivazione dei Pancrazi è abbastanza semplice, se si tiene conto che hanno assolutamente bisogno di essere arroventati dal sole estivo, e di un terreno molto drenato. Il Pancratium illyricum della Sardegna è più resistente alle basse temperature del P.maritimum in quanto in inverno, periodo di vegetazione per il secondo, è nel suo periodo di riposo. Il P.maritimum può essere moltiplicato facilmente staccando i bulbilli che si formano alla base delle piante madri, e che andrebbero ripiantati nel giro di qualche giorno per evitare un'eccessiva disidratazione delle radici. Naturalmente si diffondono spontaneamente per seme.