torna a: Hermodactylus
cliccare per ingrandire
Hermodactylus
tuberosus (Iris tuberosa)
codice: HTY001
prezzo: € 5.90 (confezione da 20)

per aggiungere il prodotto al carrello bisogna effettuare il > login


famiglia: Iridaceae
origine: Regione mediterranea
calibro: I
altezza: 30 cm
esposizione: • sole
fioritura: primaverile • intermedia

descrizione: Fiore verde giallognolo chiaro, barba e ali marroni. La forma del fiore è quella tipica delle Iris. Un solo fiore leggermente profumato, per ogni scapo.

La pianta è nota in Italia con il nome volgare "bella vedova" o "bocca di lupo". Il nome scientifico è derivato dal nome del dio Hermes (in latino Mercurius) e dalla parola greca dactylos (dito), con riferimento all'aspetto dell'apparato radicale tubercolato. Il nome Hermodactylus è ormai superato secondo la clssificaione botanica ufficiale. Questa pianta è considera a tutti gli effetti un iris, Iris tuberosa, ma nel mondo orticolo viene tuttora mantenuta la denominaione vecchia. Le esili foglie sono lineari quadrangolari, più lunghe dello scapo florale. Il perigonio è composto da lacinie esterne, riflesse vellutate viola-marrone, e da quelle interne erette, di colore giallo verdastro. L'ovario uniloculare si prolunga in un breve stilo con tre lunghi stimmi petaloidei gialli. La fioritura inizia precocemente, frequentemente già a febbraio, ma può protrarsi per molte settimane. I rizomi tuberosi vanno piantati in autunno ad una profondità di ca. 5 cm in maniera da formare dei cerchi assai fitti, perché il risultato estetico migliore si ottiene con ciuffi densi. Il suolo può essere di qualsiasi tipo, anche assai pesante. L'esposizione preferibile è in pieno sole, ma le piante sopportano anche l'insolazione parziale. Durante il ciclo vegetativo dovrebbe esserci sufficiente umidità, come tipicamente si verifica in primavera. Le piante passano il periodo estivo secco in stato di riposo. Si propagano facilmente con i semi. Durante il periodo di riposo è possibile procedere anche alla moltiplicazione agamica per divisione. Piantando le radici tuberizzate molto tardi, anche a gennaio o febbraio, è possibile ottenere la fioritura posticipata.