torna a: Eremurus
cliccare per ingrandire
Eremurus
ibridi Ruiter in miscuglio
codice: ERE002
prezzo: € 6.00 (confezione da 3)

prodotto fuori stagione
prenota per la prossima stagione


famiglia: Asphodelaceae
origine: orticola
calibro: I
altezza: 125 cm
esposizione: • sole
fioritura: primaverile/estiva

descrizione: Infiorescenze a spiga con fiori di vari colori.

Fioritura in tarda primavera-inizio estate, spettacolari anche per l'altezza. Le informazioni presenti nella I parte del libro on-line "Il Sentiero Verde dei Bulbi" sono valide anche per i rizomi piantati in primavera: L'aspetto dell'organo sotterraneo e la coltivazione sono i punti di maggiore interesse per chi prova a piantare gli eremori per la prima volta. Si tratta di una radice rizomatosa che rammenta una stella di mare. Il centro convesso, generalmente con un germoglio ben evidente, deve essere piantato verso l'alto, i segmenti simili a tentacoli devono essere disposti orizzontalmente e tutto deve essere coperto di almeno 5 cm di suolo. Il substrato deve essere estremamente permeabile, preferibilmente assai sabbioso, ricco di sostanze organiche e tendenzialmente secco, come lo si può trovare su pendii vicini a boschi o macchie. Nel caso il suolo originario fosse molto diverso da quanto indicato, sarà necessario procedere alla bonifica usando terriccio torboso e sabbia. Le piante messe a dimora dovrebbero rimanere indisturbate per alcuni anni. Da un solo rizoma entro 3 anni possono formarsi 4-5 rizomi laterali, dotati dai propri centri con germogli, che potranno essere staccati e subito ripiantati. Il maggiore pericolo per i rizomi è costituito da una manipolazione non attenta che può provocare rotture dei segmenti radicali e da un'umidità eccessiva (soprattutto da ristagni d'acqua) nel suolo, particolarmente se troppo argilloso. L'esposizione deve essere in pieno sole e più possibile a riparo dai venti. Quando i rizomi avranno emesso i germogli e saranno cresciute le prime foglie è opportuno procedere alla concimazione con un fertilizzante liquido per piante fiorite, applicato numerose volte a dosi basse (un quarto o un terzo della concentrazione consigliata sulla confezione). A popolazioni ben avviate è possibile somministrare del concime organico, anche lo stallatico ben maturo, già all'inizio dell'inverno. Gelate tardive possono essere molto pericolose per le giovani foglie e in caso di necessità è opportuno procedere alla protezione temporanea con una massiccia pacciamatura o con un tessuto non tessuto. Anche le limacce possono arrecare notevoli danni ai giovani getti. Superata la fase dell'accrescimento dell'inizio della primavera, le piante si rafforzano e cominciano ad emettere lo stelo fiorale. In tale fase sono solo i forti venti a costituire seri pericoli e la coltivazione è avviata ad una apoteosi di fioriture sorprendenti.