torna a: Colchicum
cliccare per ingrandire
Colchicum
tenorei
codice: COL017
prezzo: € 3.90 (confezione da 1)

Questo articolo può essere prenotato anche se non è attualmente in magazzino. Se tornerà disponibile Le sarà inviato in una spedizione unica col Suo ordine, altrimenti La contatteremo per una eventuale sostituzione.
per aggiungere il prodotto al carrello bisogna effettuare il > login


famiglia: Colchicaceae
origine: Turchia
calibro: 20/+
altezza: 15 cm
esposizione: • sole • 1/2 ombra
fioritura: autunnale

descrizione: Fiore rosa talvolta molto chiaro. Questa pianta è nota anche come Colchicum speciosum 'Tenori', ma, secondo la classificazione botanica più recente, è stata inglobata nella specie Colchicum cilicicim. N.B. I Colchici hanno proprietà tossiche dovute alla colchicina, non va ingerita nessuna parte della piante.

Dagli orticoltori la pianta viene tuttora considerata una specie a parte e in commercio si trovano cormi spesso erroneamente indicati come Colchicum tenori (o addirittura C. tenorii). In Gran Bretagna Colchicum tenorei viene considerato uno dei più resistenti e ben adatti alla coltivaione nei giardini e nei parchi. I colchici sono piante tipicamente da piena terra. La coltivazione in vaso permette la loro osservazione da vicino, ma non garantisce gli stessi risultati della sistemazione in aiuole, prati, sottoboschi, margini di specchi d'acqua, lungo sentieri e siepi, dove sorprendono con le loro fioriture autunnali senza foglie. I cormi si prenotano durante l'estate e vengono forniti all'inizio di settembre, pronti alla fioritura. Vanno piantati alla profondità doppia della loro altezza ed annaffiati abbondantemente. La distanza tra i grandi cormi dovrebbe essere uguale al loro diametro (uno si, uno no) per un effetto immediato o più distanziati, nel caso si desideri naturalizzarli. Quando emergono le foglie, è opportuno concimare due o tre volte con un fertilizzante liquido per piante fiorite. Le foglie che si sono formate in autunno superano inverni normali senza problemi, solo in caso di temperature molto basse, senza neve, può essere necessario proteggerle temporaneamente con una pacciamatura con foglie secche o paglia. Le foglie ingiallite possono essere facilmente asportate in tarda primavera senza danneggiare i cormi. Poi i cormi dovrebbero essere lasciati nel terreno indisturbati e senza apporti artificiali di acqua. Si risveglieranno in tardo agosto per iniziare il nuovo ciclo. Non sempre rifioriscono ogni anno e non è possibile prevedere il momento, perché dipende dalla frequenza e dall'intensità delle piogge di fine estate. Le cure sono uguali per tutti i colchici offerti nel CAT-V.